Coldiretti Marche News - Coldiretti Marche http://www.marche.coldiretti.it/ Tue, 12 Feb 2019 15:55:45 GMT http://www.rssboard.org/rss-specification http://www.marche.coldiretti.it/ 60 seminaio il 24 gennaio 2019 alle ore 15.00 il 24 gennaio 2019 alle ore 15.00 c/o la sala Avis Via Cavour - Moie di Maiolati Spontini si terrà un seminario dal titolo "Agricoltura biologica: aspetti tecnici, amministrativi e sanzionatori" - PSR 2014-20 mis.1.2.A id. 39305 che prevede la partecipazione comunitaria http://www.marche.coldiretti.it/seminaio-il-24-gennaio-2019-alle-ore-15-00.aspx?KeyPub=10019340|CD_MARCHE_HOME&subskintype=Detail&Cod_Oggetto=128114985 Tue, 12 Feb 2019 15:55:45 GMT Seminario il 5 febbraio a Moie Il 5 febbraio 2019 alle ore 15.00 c/o la sala CIS di Moie di Maiolati Spontini Via della Fornace 25 si terrà un seminario dal titolo "Legislazione telematica e adempimenti per le cantine" PSR 2014-20 mis.1.2.A. id. 39305 che prevede la partecipazione comunitaria http://www.marche.coldiretti.it/seminario-il-5-febbraio-a-moie-.aspx?KeyPub=10019340|CD_MARCHE_HOME&subskintype=Detail&Cod_Oggetto=127701335 Fri, 01 Feb 2019 12:14:36 GMT OLIO: DAL BILANCIO FINALE DELLA RACCOLTA AI CONSIGLI ANTIFRODI, DOMANI 30/11 INCONTRO AD ANCONA Gusto e qualità a livelli altissimi. Eppure, come tutto quello che riguarda il Made in Marche, l'olio extravergine di oliva marchigiano è sconosciuto ai più. Un comparto che non teme rivali e che potrebbe portare sviluppo e ricchezza alla nostra regione. Di qualità ma anche di strategie per completare la crescita del settore si parlerà ad Ancona domani, giovedì 30 novembre, al Grand Hotel Passetto nell'ambito di un convegno organizzato dall'Ordine Cultori della Cucina di Mare "Re Stocco" e da Coldiretti Marche, in collaborazione con l'Associazione Produttori Olivicoli Marche (Aprol). Una tavola rotonda alla quale interverranno Luigi Pomponi (presidente Igp Marche extra vergine), Pietro Sandali (Direttore Unaprol), Beniamino Tripodi (Gruppo Pieralisi S.p.a.), Sandro Sborgia (Comandante Nas Marche), Natale Giuseppe Frega (UnivPM) e Anna Casini (vicepresidente Regione Marche) Si parlerà di Igp Marche, scenari di mercato, innovazione tecnologica, controlli di filiera, promozione e ruolo della Regione. Dopo i saluti iniziali del sindaco Valeria Mancinelli, il convegno sarà coordinato da Bernardo Marinelli (presidente Re Stocco) e Pierluca Federici (presidente Aprol). Le conclusioni finali sono state affidate al presidente di Coldiretti Marche, Tommaso Di Sante. Al termine del convegno si terrà la cena del decennale di Re Stocco. L'Ordine Cultori della Cucina di Mare, dal 2007, lavora attivamente per promuovere la cucina regionale, lo Stoccafisso all'Anconetana su tutti, e i prodotti del territorio. Nel corso della serata sarà conferita la borsa di studio "Francesco Brunetti" allo studente con la miglior tesi di laurea di primo livello presso l'Università Politecnica delle Marche nel settore olivicolo o vitivinicolo nel periodo compreso tra il 1 gennaio e il 31 ottobre 2017. Il convegno arriva nell'anno della certificazione europea Igp e di una stagione anomala per caldo e mancanza di precipitazioni. La campagna olivicola ha registrato 2,5 milioni di chili di olio (-30%) con basse rese ma una qualità elevatissima visto che il caldo ha di fatto cancellato gli attacchi della mosca olearia. Il rischio evidente è che, con poco olio a disposizione, arrivino sulle nostre tavole prodotti stranieri spacciati per italiani. La legge prevede apposite diciture sulle bottiglie come "miscele di oli di oliva comunitari" o "non comunitari" ma spesso queste informazioni sono pressoché introvabili con caratteri minuscoli o in posizioni piuttosto defilate sull'etichetta. Il consiglio della Coldiretti è quello di guardare con più attenzione le etichette e acquistare direttamente dai produttori olivicoli, nei frantoi o nei mercati di Campagna Amica dove è possibile assaggiare l’olio extravergine di oliva prima di comprarlo e riconoscerne le caratteristiche positive. Un extravergine di qualità deve essere profumato all’esame olfattivo, deve ricordare l’erba tagliata, sentori vegetali e al gusto deve presentarsi con sentori di amaro e piccante. Gli oli di bassa qualità invece puzzano di aceto o di rancido, sono grassi e untuosi. Riconoscerne la qualità significa acquistare oli ricchi di sostanze polifenoliche antiossidanti fondamentali per la salute. http://www.marche.coldiretti.it/olio-dal-bilancio-finale-della-raccolta-ai-consigli-antifrodi-domani-30-11-incontro-ad-ancona.aspx?KeyPub=10019340|CD_MARCHE_HOME&subskintype=Detail&Cod_Oggetto=112775050 Thu, 07 Dec 2017 09:31:33 GMT TERREMOTO: COLDIRETTI MACERATA, DOMANI 30/11 A SAN SEVERINO APRE LA PRIMA AGRIMACELLERIA DELOCALIZZATA La prima agrimacelleria realizzata con le misure per la delocalizzazione delle attività produttive dopo il terremoto apre i battenti domani, giovedì 30 novembre, a San Severino Marche. A darne notizia è la Coldiretti Macerata con il taglio del nastro fissato per le ore 17 in Piazza del Commercio. La struttura è stata realizzata da Nunzio e Paolo Fattobene, allevatori della Coldiretti di San Severino Marche, che a causa del sisma hanno perso il punto vendita nel centro cittadino, una norcineria-street food dove vendevano salumi ma anche panini con ciauscolo, braciole e altri prodotti fatti in azienda, circa 40 ettari di terreno con un allevamento di 800 maiali nelle campagne della zona. Il fabbricato dovrà, tra l’altro essere abbattuto e ricostruito ex novo. I due imprenditori non si erano persi d’animo e ad un mese dal sisma avevano riaperto con una norcineria mobile. Ora, a più di un anno dal sisma, sono finalmente riusciti ad ottenere tutte le autorizzazioni necessarie per realizzare un fabbricato dove integrare il furgone e dare la possibilità di degustare le proprie specialità al coperto. “Un esempio della voglia di ripartire delle aziende agricole danneggiate dal sisma che ha messo in ginocchio il sistema produttivo del Maceratese – spiegano Francesco Fucili, presidente di Coldiretti Macerata, e il direttore Giordano Nasini -. Ora occorre però avviare la fase della ricostruzione vera e propria, riducendo i tempi burocratici e dando alle imprese le risposte attese”. http://www.marche.coldiretti.it/terremoto-coldiretti-macerata-domani-30-11-a-san-severino-apre-la-prima-agrimacelleria-delocalizzata.aspx?KeyPub=10019340|CD_MARCHE_HOME&subskintype=Detail&Cod_Oggetto=112775034 Thu, 07 Dec 2017 09:30:30 GMT COLDIRETTI-RE STOCCO, PER L’OLIO MARCHE ARRIVA LA FILIERA 2.0 Creare una filiera 2.0 dell’olio marchigiano, capace di intercettare l’aumento mondiale dei consumi e la stessa domanda di prodotto regionale che nei primi sei mesi del 2017 ha visto un aumento delle esportazioni del 28%. E’ il messaggio lanciato dall’incontro organizzato ad Ancona dall'Ordine Cultori della Cucina di Mare "Re Stocco" e da Coldiretti Marche, in collaborazione con l'Associazione Produttori Olivicoli Marche (Aprol) e il sostegno della Camera di Commercio di Ancona. Un’iniziativa promossa nell’ambito della cena del decennale di Re Stocco, presentata da Bernardo Marinelli. “Se fino ad oggi la caratteristica principale del settore regionale è stata quella del ‘poco ma buono’, la filiera punta ora ad un incremento delle superfici coltivate e ad una maggiore presenza sul mercato, valorizzando i suoi punti di forza che sono qualità e crescita dei monovarietali” ha spiegato il presidente di Coldiretti Marche, Tommaso Di Sante. Un punto di partenza può essere quello dell’Igp Marche, il riconoscimento comunitario appena ottenuto, di cui ha parlato il presidente del Consorzio Luigi Pomponi. Il tutto abbinato a una modernizzazione tecnologica del settore che veda l’industria marchigiana al fianco dei produttori, come sottolineato da Beniamino Tripodi del Gruppo Pieralisi, che ha presentato il protoreattore, il nuovo e innovativo brevetto per la lavorazione delle olive. Ma per ottenere i risultati attesi occorre anche che l’olio marchigiano sia difeso dalle frodi, al centro dell’intervento del comandante dei Nas Marche, Sandro Sborgia. Frodi che vanno da quelle che spacciano per extravergine prodotti magari ottenuti con la clorofilla al mancato rispetto della legge sull’olio in bar e ristoranti, dove è fuorilegge un’oliera su quattro, sprovvista di tappo antirabocco che impedisce di riempirla con prodotto diverso da quello originale. E se il prezzo è sotto i 7 euro, difficilmente si tratta di prodotto marchigiano, soprattutto in un’annata che ha visto la raccolta in leggero aumento rispetto al terribile 2016 ma ancora sotto la media, nonostante una qualità eccezionale. Gli oltre 25mila quintali di olio prodotto rappresentano la somma di diverse situazioni, dai 10mila quintali di Ascoli Piceno ai 5mila di Fermo, dai 4mila quintali di Ancona ai quasi5mila quintali di Macerata, fino ai circa mille quintali di Pesaro Urbino, la provincia dove la siccità ha però causato meno danni. Ai lavori hanno preso parte anche il direttore di Unaprol, Pietro Sandali, il presidente di Aprol Marche, Pierluca Federici, il Preside della Facoltà di Agraria dell’Unievrsità Politecnica delle Marche, Natale Frega, e il direttore della Coldiretti Marche, Enzo Bottos. I numeri dell'Olio Marche Il settore olivicolo Nelle Marche conta 22mila aziende su una superficie di circa 10mila ettari di oliveti, con 160 frantoi attivi. Per quanto riguarda il biologico, la aziende sono 1.000, per una superficie di circa 1.600 ettari. Il valore della produzione olivicola marchigiana è di 25 milioni di euro (2015), mentre quello dell’export ammonta a 2,4 milioni di euro (dato 2016). Le Marche vantano anche due Dop e una Igp nel settore olivicolo (Olio di Cartoceto Dop e Oliva Ascolana del Piceno Dop, e l'Igp Marche appena ottenuta). La borsa di studio Brunetti per la tesi sulle olive Mattia Carosi, 26 anni da Castignano (Ascoli), è il vincitore della borsa di studio intitolata alla memoria di Francesco Brunetti. Il riconoscimento è stato conferito durante la conviviale post convegno, che si è tenuta al ristorante Passetto, per festeggiare il decennale di Re Stocco. Carosi, neolaureato in scienze e tecnologie alimentari alla Politecnica delle Marche, ha presentato una tesi sulla coltivazione dell'oliva nelle Marche e sui processi produttivi delle olive da tavola. "La mia tesi – spiega è stata svolta all'interno del dipartimento di Tecnologie Alimentari dell'Università Politecnica delle Marche: è un'analisi di studio delle olive da tavola e sulle tecniche di deamarizzazione, processo produttivo fondamentale per ottenere le olive che poi troviamo al bar o al supermercato. Questo processo può essere svolto sia chimicamente con soluzione sodica, oppure in maniera biologica attraverso fermentazioni guidate da batteri lattici. Sono molto contento, non me l'aspettavo, per me è un grande onore ma soprattutto un piacere ricevere questo premio importante". A presiedere la giuria c'era anche Natale Frega, docente di Scienze e tecnologie alimentari alla Facoltà di Agraria della Politecnica. "Tra tante tesi di alto livello – ha detto - la giuria è stata unanime nell'indicare quella di Mattia che è riuscito a cogliere un tema centrale: la qualità dipende dalla materia prima ma anche dal sistema tecnologico. Non basta avere un ottimo prodotto se poi lo si lavora male. La ricerca scientifica è alla base dello sviluppo di un popolo".   http://www.marche.coldiretti.it/coldiretti-re-stocco-per-l-olio-marche-arriva-la-filiera-2-0.aspx?KeyPub=10019340|CD_MARCHE_HOME&subskintype=Detail&Cod_Oggetto=112775006 Thu, 07 Dec 2017 09:29:10 GMT COLDIRETTI ANCONA, DOMANI 3/12 FESTA DELL’AGRICOLTURA A CORINALDO COI TRATTORI E IL BILANCIO DELL’ANNATA AGRARIA L’agricoltura marchigiana celebra domani, domenica 3 dicembre, a Corinaldo la Giornata del Ringraziamento, la tradizionale manifestazione organizzata da Coldiretti Ancona a conclusione dell’annata agraria. L’appuntamento è alle ore 9 con il raduno dei trattori nel piazzale della sede del Consorzio agrario, per poi trasferirsi alle ore 10 , nella chiesa di San Francesco, al centro del paese, dove verrà celebrata la santa messa. Al termine benedizione dei mezzi agricoli e incontro con gli agricoltori nella sala Acli di Viale degli eroi 33, alla presenza del direttore regionale Enzo Bottos, prima del pranzo sociale presso il ristorante Colverde. Un momento di riflessione sulla rinnovata centralità del ruolo dell’agricoltura nella società, tema al centro del messaggio della Conferenza episcopale sulla “terra ospitale”. Ma la Giornata del Ringraziamento sarà anche l’occasione per tracciare un bilancio dell’andamento del settore agricolo in regione. http://www.marche.coldiretti.it/coldiretti-ancona-domani-3-12-festa-dell-agricoltura-a-corinaldo-coi-trattori-e-il-bilancio-dell-ann.aspx?KeyPub=10019340|CD_MARCHE_HOME&subskintype=Detail&Cod_Oggetto=112774988 Thu, 07 Dec 2017 09:28:14 GMT COLDIRETTI ANCONA, ANNATA AGRARIA NEGATIVA TRA MALTEMPO E SICCITA’ Produzioni in calo un po’ in tutti i settori a causa della siccità e del maltempo. E’ negativo il bilancio dell’annata agraria tracciato da Coldiretti in occasione della Giornata del Ringraziamento, la tradizionale manifestazione organizzata a Corinaldo (Ancona). A caratterizzare l’andamento stagionale è stata, infatti, la siccità che ha colpito il territorio provinciale, con temperatura di diversi gradi sopra la norma e precipitazioni praticamente azzerate. Il risultato è un calo generale delle produzioni, dal -25% del vino al -30% dell’olio, ma il crollo a doppia cifra ha interessato anche la frutta, mentre nel caso dei foraggi per gli animali si è arrivati addirittura al -50%. dall’ortofrutta al mais, fino al girasole. Più contenuta la diminuzione di mais e girasole. “A bilanciare la pessima annata nei campi sono state comunque in parte i grandi risultati a livello sindacale ottenuti grazie alle mobilitazioni della Coldiretti che hanno visto in campo anche gli agricoltori di questo territorio – ha ricordato il direttore regionale Enzo Bottos -. Penso, ad esempio, al varo del decreto per l’etichettatura dell’origine del grano contenuto nella pasta, che darà maggior valore alle produzioni cerealicole della nostra provincia, mentre è già entrata in vigore definitivamente quella sul latte e formaggi, anche qui frutto dell’azione della Coldiretti”. http://www.marche.coldiretti.it/coldiretti-ancona-annata-agraria-negativa-tra-maltempo-e-siccita-.aspx?KeyPub=10019340|CD_MARCHE_HOME&subskintype=Detail&Cod_Oggetto=112774947 Thu, 07 Dec 2017 09:26:23 GMT SISMA: COLDIRETTI, CONTRO LA PAURA SOLIDARIETA’ A NATALE CON I CESTI DEI PRODOTTI TERREMOTATI La terra che continua a tremare alimenta la paura e ritarda il ritorno della popolazione nei territori colpiti dal sisma dove gli agricoltori e gli allevatori rimasti nei paesi svuotati, per sopravvivere, sono costretti a cercare canali alternativi dove vendere i prodotti salvati dalle macerie. E’ quanto afferma la Coldiretti Marche in riferimento all’ultima scossa di terremoto, nel sottolineare che l’appuntamento del Natale è una ottima occasione per sostenere con la solidarietà la ripresa dell’economia. E’ necessario che la ricostruzione vada di pari passo con la ripresa dell’economia che in queste zone significa – sottolinea la Coldiretti - soprattutto cibo e turismo. Il terremoto ha infatti colpito un territorio a prevalente economia agricola con una significativa presenza di allevamenti che occorre ora sostenere concretamente per non rassegnarsi all’abbandono e allo spopolamento. Nonostante le difficoltà, con un calo ad esempio del 20% della produzione di latte, gli agricoltori e allevatori sono riusciti a garantire la produzione della maggior parte delle tipicità delle zone terremotate e la Coldiretti intende dare l’opportunità ai cittadini di sostenerle con iniziative specifiche durante le festività. Già da ora sul sito www.campagnamica.it, c’è la possibilità di acquistare cesti solidali con i prodotti salvati dal sisma del centro Italia per aiutare le aziende agricole delle zone colpite dal terremoto. http://www.marche.coldiretti.it/sisma-coldiretti-contro-la-paura-solidarieta-a-natale-con-i-cesti-dei-prodotti-terremotati-.aspx?KeyPub=10019340|CD_MARCHE_HOME&subskintype=Detail&Cod_Oggetto=112774914 Thu, 07 Dec 2017 09:24:50 GMT NATALE, l’8/12 APRE IL MERCATO DI CAMPAGNA AMICA E LA VIA MAESTRA Dalle bontà a km zero di Campagna Amica all’artigianato artistico della Via Maestra, arrivano al centro di Ancona le idee regalo 100% made in Marche per le festività 2017. Apre domani, venerdì 8 dicembre, ad Ancona il grande Mercato di Natale organizzato da Coldiretti e Confartigianato con il sostegno di Comune di Ancona e Camera di Commercio di Ancona. L’appuntamento è fino a domenica 10 dicembre al Pala Natale di Piazza Pertini, dove oltre cinquanta stand saranno aperti dalle ore 9 alle 20. Un’occasione unica per fare regali di qualità, portando sulle tavole il meglio delle gustose specialità agricole del territorio ma anche i capolavori dell’artigianato marchigiano. Accanto al mercato non mancheranno workshop e laboratori dedicati a grandi e piccini, con il progetto Oasicolori, oltre ad iniziative di solidarietà, con la vendita dei prodotti dell’orto in carcere, ma anche la partecipazione dei ragazzi dell’Istituto Agrario di Fabriano.    Nelle oltre trenta aziende agricole di Campagna Amica si potranno trovare olio extravergine di oliva, vini Doc, vino cotto, vino di visciola, vernaccia, birra agricola, confetture , composte, sott’oli, pesche sciroppate, miele, dolci della tradizione, legumi e prodotti glutine free, zafferano, bulbi di zafferano, idee regalo come candele con cera d’api, e prodotti a base di lavanda,  salumi e formaggi, ortaggi a kilometro zero, ma anche frutta della Valdaso, e agrumi di Sicilia. Il tutto per confezionare cesti natalizi 100% Campagna Amica. http://www.marche.coldiretti.it/natale-l-8-12-apre-il-mercato-di-campagna-amica-e-la-via-maestra.aspx?KeyPub=10019340|CD_MARCHE_HOME&subskintype=Detail&Cod_Oggetto=112774863 Thu, 07 Dec 2017 09:23:19 GMT